Ricerca delle fonti

Al momento della sua fondazione nel 2002, l’Archivio della storia rurale è stato il primo ente ad occuparsi specificatamente della ricerca e della messa in valore di fonti legate al mondo rurale e agricolo. Attraverso la catalogazione e l’analisi di documenti appartenenti ad aziende, organizzazioni, società, fattorie - così come a privati - l’archivio vuole documentare la molteplicità e l’importanza del settore agricolo nel diciannovesimo e ventesimo secolo.

Leggi tutto...

Messa in valore e valutazione

La messa in valore di fonti d’archivio comporta l’analisi, la classificazione e l’imballaggio dei materiali. In questo modo vengono garantito un accesso facilitato e una conservazione ottimale dei fondi elaborati. Nel limite del possibile le fonti sono trattate rispettando i criteri di archiviazione adottati dal proprietario (principio di provenienza). La messa in valore delle fonti non si limita alla semplice catalogazione, ma comporta anche un’analisi dell’ente o persona che le ha generate.

Leggi tutto...

Conservazione

L’Archivio si definisce “virtuale” in quanto i fondi non sono conservati dall’Archivio stesso. I materiali messi in valore - catalogati e imballati - vengono nella norma ritornati al proprietario oppure deposti presso altri enti archivistici (privati o pubblici).

Leggi tutto...

Panoramica dei fonti già messi in valore

Nella panoramica dei fonzi già messi in valore si trovano tutti i fonti di organizzazioni, imprese e persone che sono stati elaborati fin’ora dall’Archivio. Le analisi, così come gli strumenti di ricerca, sono accessibili online attraverso la banca dati "Fonti della storia rurale".